...
Farm Holidays Tesi universitarie sull'Agriturismo > Marketing dell'Agriturismo: analisi e strumenti per la valorizzazione e promozione dell’agriturismo > Libro di Ricette

Marketing dell'Agriturismo: analisi e strumenti per la valorizzazione e promozione dell’agriturismo

Marketing dell'Agriturismo: analisi e strumenti per la valorizzazione e promozione dell’agriturismo
di Marco Mantovani

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI FIRENZE
Facoltà di Economia
Corso di laurea in Scienze Turistiche
Tesi di Laurea in GESTIONE E MARKETING DEL TURISMO

Tesi di: Marco Mantovani
Relatore: Chiar.mo Prof. Massimo Rosati
Anno accademico 2007-2008

3.2 - Libro di Ricette

Un libro di ricette è un omaggio molto apprezzato dai turisti enogastronomici: potresti crearne uno ad hoc per il tuo agriturismo. Realizzare un volumetto di una decina di pagine non costa molto: le moderne tecniche di stampa digitale permettono di stampare 50 libricini da 12 facciate l'uno a poco più di 1,50 euro a copia. Affidandoti ad un grafico esperto potrai sicuramente ottenere un impaginato di pregio adatto al tuo target.

Al suo interno potresti inserire:

  • le ricette cucinate nella tua struttura
  • le indicazioni necessarie per preparare piatti tradizionali
  • dei suggerimenti per presentare al meglio le portate
  • gli abbinamenti con i vini locali
  • suggerimenti per decorare i piatti di portata con erbe spontanee
  • curiosità sulle origini di piatti tradizionali
  • indirizzi utili per acquistare ingredienti particolari e pregiati
  • itinerari interessanti legati alla storia di alcuni piatti

Offrire il libro come dono al termine del soggiorno oppure inviarlo come presente nel periodo natalizio è un ottimo metodo per aumentare la soddisfazione dell'ospite, invogliando al tempo stesso il passaparola.

Ricette antiche

Il fascino della storia anche a tavola. In questo contesto è la cucina tradizionale a fare la differenza: per gli amanti dell'enogastronomia la vera attrazione sono le pietanze dimenticate da tempo ed i piatti legati alla storia. Non ti sarà difficile raccogliere informazioni su ricette antiche da proporre ai tuoi ospiti: le biblioteche comunali dispongono di molte risorse storiche fra le quali individuare i piatti più particolari o sconosciuti. Anche i circoli gastronomici della zona ti potranno aiutare con informazioni e suggerimenti. Inoltre utilizzando il portale Slow Food potrai entrare in contatto con numerose associazioni agroalimentari ed enogastronomiche, italiane e straniere.

Utilizzare frutta di stagione ed erbe aromatiche per creare centrotavola insoliti

Castagne e frutta secca, arance e radicchio selvatico, basilico fresco e timo: sono soltanto alcune delle innumerevoli combinazioni che puoi utilizzare per abbellire la tua tavola con composizioni creative. I mazzetti di erbe odorose sono un originale segnaposto e diventeranno un profumato omaggio da regalare ai tuoi ospiti al termine del pranzo. La frutta di stagione oltre a decorare la tavola può anche essere utilizzata per impreziosire i piatti di portata.

Leggere a tavola non sempre è maleducato

Il turista enogastronomico è curioso di tradizioni ed aneddoti, ama visitare i mercatini di antichità, le biblioteche cittadine e le bancarelle di libri antichi. Per rendere più interessante il momento della cena potresti far trovare in tavola, accanto alle portate, qualche libro o delle vecchie fotografie e cartoline della tua zona: saranno un ottimo spunto di conversazione fra una portata e l'altra.

Corsi di cucina: ricette tradizionali e menù originali.

Sono sempre di più le perone che amano frequentare corsi di cucina durante le vacanze in campagna. E' un modo per rilassarsi imparando a cucinare cibi genuini. Molti agriturismi offrono corsi durante tutto l'anno (cucina tradizionale, piatti tipici, ecc…).

Menù e carta dei vini: fai sentire i tuoi ospiti coccolati come al ristorante.

I turisti amanti dell'enogastronomia apprezzano la ricercatezza ed il gusto per i dettagli. Per offrire ai tuoi ospiti un servizio raffinato come al ristorante puoi realizzare dei menù di qualità e delle "carte dei vini" da consultare al tavolo. La tua stampante: una tipografia personale. Per stampare menù di qualità e carte dei vini non è sempre necessario rivolgersi ad una tipografia: basta un po' di fantasia ed una buona stampante. Per le piccole strutture questa scelta presenta 3 importanti vantaggi:

  • si può personalizzare il proprio menù e la carta dei vini ogni volta che lo si desidera: in tipografia ogni cambiamento nell'impaginato richiede la creazione di nuovi impianti di stampa, con nuovi costi e tempi di attesa
  • si risparmia sui costi di stampa: perché vengono realizzate soltanto le copie di volta in volta necessarie non è necessario attendere le tempistiche della tipografia: appena stampati i menù e le carte dei vini sono immediatamente pronti da porre in tavola.

Menù separati per lingue diverse.

Le strutture agrituristiche italiane accolgono ogni anno turisti da ogni parte del mondo. Per questo motivo è importante che il menù "parli" la lingua dei tuoi ospiti stranieri. Come puoi vedere dal grafico qui sotto, l'affluenza è rappresentata principalmente da ospiti di lingua tedesca, inglese, olandese e francese (per un totale dell'84,96%). La soluzione ottimale è quella di preparare un fascicolo separato per ogni lingua. E' sicuramente la scelta migliore che comunicherà all'ospite straniero l'impegno speso per rendere la sua permanenza speciale (dimostrando l'attenzione che poni alle sue necessità, anche linguistiche).

< pagina precedente     |     indice     |     pagina seguente >
Tesi Universitarie sul B&B e sulla Microricettività
Invia una email a info@agriturismo.farm con la tesi allegata; se la riterremo valida la pubblicheremo e la ricompenseremo con 100€.